Pensieri e Istantanee di Francesco Mancini

... dove un sogno è ancora libero

Martedì, 21 Marzo 2023 00:00

Il Cammino della Regina Camilla: Traversata Tappa Roccasecca dei Volsci-Sonnino

21 Marzo 2023: IL CAMMINO DELLA REGINA CAMILLA CON IL MONTE DELLE FATE SU GLI AUSONI ED IL SUO TRAMONTO: TRAVERSATA TAPPA ROCCASECCA DEI VOLSCI-SONNINO - Percorsi Km 27 per D+ 1220m #doveunsognoèancoralibero www.EsplorandoX.it www.FederTrek.org – Grazie alla fondamentale presenza del RE dei LEPINI PAOLO LEONORO abbiamo realizzato un’altra dura traversata di questo cammino la cui bellezza naturalistica è rappresentata soprattutto nel versante che si affaccia sul Mar Tirreno.

Nel basso Lazio le 10 TAPPE del “ Cammino della Regina Camilla “ hanno un percorso ad anello lungo circa 200 km che parte dalla stazione di Priverno-Fossanova, attraversa la Valle dell’Amaseno e termina nel punto di partenza.

Collega paesi con un’identità storica e culturale comune e valorizza quest’area interna appenninica fra i Monti Lepini e gli Ausoni.

Oggi abbiamo scoperto proprio quest'ultimi salendo sulla cima più alta rappresentata dai 1090 metri del Monte delle Fate.

I Monti Ausoni sono un gruppo montuoso dell'Italia centrale, appartenente all'Anti-Appennino Laziale, contenuto interamente nel Lazio meridionale, che costituisce il settore centrale della catena dei Monti Volsci.

Confinano con i Monti Lepini a Nord ed i Monti Aurunci a Sud. Sono compresi tra le province di Latina e di Frosinone.

Spettacolare la vista del Lago di Fondi e di tutta la costa che da Sperlonga arriva fino a Terracina e al Circeo.

Emozionante anche il panorama che si vede dal Monte Ceraso arricchito dal cippo proprio sulla cima.

Tutto nasce grazie all’impegno di SARA CARALLO, geografa e ricercatrice, che nel 2019 ha deciso di progettare insieme a CLAUDIA ERRICO dell’Associazione “ A Piedi Liberi “ questo studio che accomunasse i Paesi della Valle coordinate dal Direttivo della FederTrek FRANCESCO SENATORE consigliere referente della Commissione Cammini.

La legenda racconta che la REGINA CAMILLA protagonista raccontata da Virgilio nell’Eneide era figlia di Metabo, il Re dei Volsci costretto a scappare da Priverno a causa di una rivolta popolare.

Si narra che abbia raggiunto il fiume Amaseno in piena e lo abbia attraversato con sua figlia tra le braccia, invocando la protezione di Diana.

Entrambi si salvarono e Camilla venne cresciuta dal padre in questi boschi diventandone poi la Sovrana.

Questo Cammino si snoda tra varie tappe in provincia di Latina e Frosinone che comprendono i comuni di Priverno, Roccagorga, Maenza, Prossedi, Giuliano di Roma, Villa Santo Stefano, Castro dei Volsci, Vallecorsa, Amaseno, Pisterzo, Roccasecca dei Volsci (tra le dieci finaliste candidate a Capitale italiana della Cultura 2025), Sonnino.

Voglio ringraziare il Grandissimo Appenninista PAOLO LEONORO senza il quale il sottoscritto con Silvia e Michela non avrebbe potuto realizzare la logistica delle auto.

Già A.E./A.E.I. della Sezione di Latina del Club Alpino Italiano Paolo è di SEZZE.

Da sempre sale di corsa sulla sua montagna rappresentata dal Monte Semprevisa.

Nel suo piccolo PAOLO si è tolto grandissime soddisfazioni come scalare, nel 1988, il Monte Bianco.

In periodi dove gli scarponi da alpinismo erano di plastica (a volte spaccandosi mentre meno te lo aspettavi) con i mutandoni di lana e la tuta da ginnastica.

Epoche dove si partiva senza la possibilità di avere previsioni del tempo attendibili.

Si sognavano le cime da raggiungere prendendo spunto dalle sole riviste come AIRONE o addirittura da articoli tratti da DIANA (unici giornali che permettevano, con le foto, di calarti in determinate realtà della natura).

Ma tantissimi sono stati i racconti incredibili delle avventure che PAOLO ha vissuto in quasi 50 anni di montagna.

Si può sicuramente definire un antesignano dell’Appenninismo.

Ecco perché, contrariamente ad altri montanari di un tempo, ha compreso il vero significato dell’Albo delle Cime del Club 2000m.

Sicuramente il suo carattere positivamente competitivo ha influito nella ricerca di nuovi obiettivi da raggiungere per completare la sua profonda esperienza sui monti fatta a tutti i livelli.

Già decine di anni addietro per lui non era un problema dormire di notte sotto Cima Lepri per realizzare quei concatenamenti con ritorno in autostop.

Di certo la grande passione anche per la fotografia lo ha aiutato nella ricerca di immagini esclusive che la sua collezione di diapositive dimostra già nei primi Anni 80.

Il fatto di non aver mai avuto nessun tipo di problema in decenni e decenni di attività dimostra che PAOLO ha sempre cercato di non oltrepassare mai quella soglia che è il limite delle proprie possibilità.

Il suo spirito libero lo caratterizza per aver sempre cercato percorsi che non erano solo sui sentieri.

Da qui la sua ritrosia e non ricercata appartenenza ad esclusivi circoli che fanno delle regole sulle montagne il credo assoluto.

Eccolo perché spesso in solitaria con i suoi tempi e i suoi modi di apprezzare il tempo libero.

Tanti anni di sacrifici come pendolare, a causa del lavoro, da Roma a Sezze.

Poi 20 anni a Norma non hanno mai fermato questa grande passione che ancor oggi a 68 anni lo vede macinare km e km in montagna con una forza straordinaria da far invidia ai più forti atleti di oggi.

L’aspetto quasi burbero, che può captarsi dalle foto, in realtà nasconde una bontà d’animo che tuttavia non accetta compromessi.

Il suo allenamento quotidiano è rappresentato inoltre da un ettaro di terra che, da solo, cura per non rimanere mai indietro su quello che è il suo credo.

Past Presidente del T.A.M. nella sezione del C.A.I. Latina (che fece il primo corso di Arrampicata proprio a Daniele Nardi) da quasi 40 anni ci ha arricchito con nozioni di flora e di fauna durante i passi di questa faticosa ascesa durata 10 ore.

TERZO TEMPO in quel dell’Hotel-Ristorante ONORATI nelle vicinanze di Priverno per una quanto mai agognata cena ma soprattutto festeggiare il mio ritorno in montagna dopo un anno con il grande PAOLO LEONORO in attesa della Regina Camilla che non è mai arrivata…!!!

ITINERARIO: Roccasecca dei Volsci 362m, Fonte 625m, Belvedere 636m, Rifugio Jo Caturo 882m, Monte delle Fate 1090m, Sella 768m, Primo Cippo 734m, Monte Ceraso 824m, Rifugio La Cona 660m, Sonnino 430m

 

 

 

Letto 212 volte Ultima modifica il Venerdì, 24 Marzo 2023 15:44
Devi effettuare il login per inviare commenti