Pensieri e Istantanee di Francesco Mancini

... dove un sogno è ancora libero

N.40 Il Club 2000m ospite d'eccezione alla Festa dei 90 Anni del CAI di AVEZZANO

A nome personale, del Presidente Giuseppe Albrizio e del C.D. voglio ringraziare il CAI di AVEZZANO con il Presidente Tonino Di Palma, il Past President Giovanni Olivieri, il Coordinatore Romano Sfirri e il Direttivo AE Fabio Antifora per l'invito che il Club 2000m ha ricevuto per partecipare alla prima delle 7 giornate di Festa dei 90 Anni della Sezione.
Invito tutti gli Appenninisti Lunedì 29 Luglio alle 19 per un grande pomeriggio di amicizia e di montagna che continuerà nei giorni successivi con stand, palestre di arrampicata, relazioni, incontri e film dedicati a tutto quello che ha fatto grande il CAI di Avezzano in questi 90 Anni di storia.

Sono i rapporti fra le anime umane con il loro modo di vivere la vita e la montagna che legano le persone nella realizzazione di eventi come questo

Voglio ringraziare il Presidente del CAI di Avezzano Tonino di Palma con il Vice Presidente Gianfranco Gallese ma anche i recenti Past President come Giovanni Olivieri (attuale Direttivo) ed il compianto ma sempre presente Piero Concia, il Direttivo,Tesoriere e Coordinatore dell’evento Romano Sfirri per la immensa fatica per organizzare tutto questo ed il mio Caro Direttivo AE Fabio Antifora.

Un omaggio al Presidente del CAI Abruzzo Gaetano Falcone che mi ha conosciuto presso la Sezione de L’Aquila quando ancora avevo i capelli ma soprattutto a Francesco Sulpizio uno dei miei Maestri di Montagna Past President del CAI di Ortona ora Vice Presidente del CAI Abruzzo.

Con l’occasione voglio chiedere scusa a tutti coloro che, molto più di me, sono in grado di poter raccontare la montagna da un punto di vista alpinistico e di esperienza perché la mia presenza oggi è legata anche a tanti aspetti emozionali.

Era il 1978, avevo 8 anni, abitavo ad Avezzano con la mia Famiglia e dalla finestra di casa ammiravo la maestosità di quella incredibile montagna che si ergeva come l’Everest per un bambino (ma anche oggi) sulla piana del Fucino: quella montagna era il Monte Velino ed io abitavo incredibilmente in Via Monte Velino.

Il 10 Luglio del 1966, esattamente 8 giorni dopo la mia nascita, gli Alpini di Avezzano portano a quota 2487 metri sulla cima più elevata della catena Velino-Sirente, terzo gruppo montuoso più elevato dell'Appennino continentale dopo Gran Sasso e Majella, la Madonnina che ci fatto compagnia in tutti questi decenni.

Ed io intanto dalla finestra della mia cameretta sognavo il Monte Velino dicendo fra me e me che da grande volevo arrivare fin lassù.

Quelle montagne mi sembravano il corpo di una donna sdraiata con il seno protettrice di una mamma del Velino e del Cafornia fino al ventre rappresentato dalla Sentinella e Magnola.

Proprio sul Monte Velino realizzai la mia prima solitaria in montagna peraltro senza incontrare nessuno il 13 Agosto del 1997 partendo da Santa Maria in Valle Porclaneta.

Quando in rappresentanza del Club 2000m in qualità di Grandissimo Appenninista del CAI di Avezzano ho ricevuto l’invito come ospite d’eccezione per la Festa dei 90 anni della Sezione è come se fossi tornato bambino.

Mai avrei potuto pensare che questa montagna poteva dare il LA all’inizio di questa straordinaria passione rappresentata dalle montagne di tutto l’Appennino Italiano oltre i 2000m raggiunte grazie al meraviglioso Progetto del Club 2000m

Non è un caso infatti che il LOGO del mio Blog vuole rappresentare proprio quel gruppo di monti che vedevo da bambino: Rozza, Sevice, Costognillo, Velino e Cafornia.

Gli impianti da sci di OVINDOLI-MAGNOLA il mio campo di inizio anche per lo sci da discesa a 12 anni.

Il Rifugio Telespazio ghiacciato il luogo di incontro casuale, una quindicina di anni fa, con il CAI di AVEZZANO e con Fabio Antifora che vide entrare il sottoscritto con gli scarponi da sci ai piedi mentre loro di fronte al caminetto festeggiavano quei valori che hanno accompagnato in questi 90 anni il CAI di questa Sezione.

Con il Suo sorriso e la Sua immediatezza condita dalla modestia che lo caratterizza FABIO si presentò e disse vieni accanto a noi e prendi.

A volte sembra tutto scritto ed io oggi sono qui proprio a scrivere questi ricordi ed emozioni.

Non è un caso quindi che proprio con il CAI di AVEZZANO abbiamo organizzato insieme in questi anni tante eventi legati alla montagna.

Una collaborazione nata nel 2011 dove a Cerchio il Club 2000m organizzò il 26 Novembre la Seconda Serata Sociale, poi a Rosciolo dei Marsi il 22 Novembre del 2014 la Sesta Serata Sociale, e ancora il 21 Giugno del 2015 l’inaugurazione di Cima Avezzano ma anche il Terzo Raduno in Montagna per il 50esimo della Madonnina il 10 Luglio del 2016.

Credo che il momento che rimarrà impresso nella mente di ognuno di noi è stato quello in cui abbiamo conosciuto Costantino Pace che nel 2016 a 60 anni  ha percorso i quasi 18 Km di montagna con più di 1500 metri di dislivello in salita con una gamba ed una stampella per salire sulla Cima del Velino.

Di fronte a queste persone bisogna solo inchinarsi non solo spiritualmente ma anche materialmente come ho personalmente fatto di fronte a questo grandissimo di Civitella Roveto che con una gamba persa per un infortunio sul lavoro è esempio di vita per tutti.

Come da Comunicato Stampa la festa dei 90 Anni della Sezione CAI di Avezzano si svolgerà nell’ambito della Settimana Marsicana organizzata dalla Pro Loco di Avezzano all’interno del Parco di Villa Torlonia, dal 29 luglio al 4 agosto 2019, con uno stand informativo, una palestra mobile di arrampicata e una serie di conferenze sull’alpinismo locale.

Un evento dedicato a coloro che nella Marsica hanno reso grande l’alpinismo, tracciando i sentieri ideali per avvicinare migliaia di persone al meraviglioso mondo della Montagna e permettere alle nuove generazioni di poterla vivere.

I protagonisti e gli ospiti terranno una conferenza in cui illustreranno con parole e immagini il proprio percorso formativo, le proprie conoscenze, le esperienze vissute in montagna e come certe competenze, acquisite per passione personale, si siano poi trasformate anche in una risorsa sociale, al servizio del soccorso in montagna o per emergenze da calamità naturali.

I Protagonisti saranno Pierluigi Taccone, Guida Alpina; Toto Capassi, fondatore della Stazione del Soccorso Alpino di Avezzano; Fabio Manzocchi, Capostazione del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS) Stazione di Avezzano con tutti i suoi componenti; Paride Gallese Istruttore Regionale del CNSAS;

Ospiti d‘eccezione il Pescinese Federico Di Felice, Campione Italiano Lead Paraclimbing; Ernesto Macera Mascitelli alpinista di Gioia dei Marsi, impegnato in spedizioni sulle Ande e in Himalaya, e il Grandissimo Appenninista Francesco Mancini, Direttivo Club 2000m, che ha scalato tutte le montagne dell’Appennino over 2000m.

Il CAI di Avezzano nasce grazie al Notaio e Socio del CAI di Roma Colacicchi e al Notaio Avezzanese Giovanni Stornelli che ne divenne il Primo Presidente.

Fra i più grandi Alpinisti che hanno fatto parte del CAI di Avezzano i famosi Italo Magrini, Ugo Caruso, Mauro Di Battista e Gigi Panei.

Grazie a Toto Capassi nel 1986 fu fondata la Stazione di Avezzano del CNASAS.

Importantissime Presidenze furono quelle di Claudio Del Gusto che si attivò per la realizzazione della prima carta dei sentieri del Velino-Sirente con l’acquisizione anche del Rifugio Telespazio e di Nando Rozzano figura carismatica che tenne uniti saldamente i legami fra i soci.

Le ultime Presidenze di Giovanni Olivieri e del compianto Piero Concia che nel 2016 ha avuto intitolato il Rifugio Fonte Tavoloni hanno ulteriormente unito il sodalizio di Avezzano.

Attualmente con 400 soci sono state create le sottosezioni di Rosciolo dei Marsi, Valle del Giovenco e Lucus Angitiae.

Oggi la Sezione è guidata dal caro Tonino Di Palma che ha ricevuto il secondo mandato a conferma che la sua simpatia, competenza e passione porteranno sempre più in alto questa grande Sezione.

Ma non bisogna dimenticare il resto del Consiglio Direttivo attuale che ogni giorno si impegna per portare avanti il gruppo nel migliore dei modi come Anna Giovarruscio, Filiberto Ciaglia, Antonio Mastrangelo e Massimo Gentile.

Non rimane che vivere intensamente questi 7 giorni di celebrazioni al Parco Torlonia per ricordare e per sognare nuove piccole grandi imprese.

W il CAI di Avezzano !!! W il Club 2000m !!! W la Montagna !!!

Letto 146 volte

Galleria immagini

Devi effettuare il login per inviare commenti