Pensieri e Istantanee di Francesco Mancini

... dove un sogno è ancora libero

Giovedì, 16 Giugno 2011 00:00

Esplorando...La Valle dell'Orfento

Guado di Sant'Antonio 1200m, Ponte di Pietra 991m,...


 La valle dell'Orfento, una delle prime aree protette d'Abruzzo, è percorsa da numerosi sentieri escursionistici per tutta la sua lunghezza, eccezion fatta per la sommità, dove dalla cascata della Sfischia il corso d'acqua ha origine: quest'area è una riserva integrale assolutamente incontaminata dalla presenza umana.

 La flora è un perfetto esempio di biodiversità, oltre duemila le specie botaniche, tra cui numerose varietà rare di orchidea, la genziana e la stella alpina appenninica, il pino mugo.

La fauna locale annovera numerose specie protette o coinvolte in azioni di reinserimento: cinghiale, volpe, lepre, cervo, lupo, aquila reale, camoscio, orso bruno marsicano, lontra, trota fario.

L'Orfento è un affluente del fiume Orta che a sua volta contribuisce nel fiume Pescara.

Scorre per 16 km, per convenzione si considera come sorgente la cascata della Sfischia sulla sommità della Majella, monte Pesco Falcone, tra il territorio di Caramanico Terme e Sant'Eufemia a Maiella. Affluente di destra del fiume Orta.

Il letto del fiume scorre all'interno di una valle montana, ora in canaloni dal greto ghiaioso, ora all'interno di stretti canyon scavati nella roccia; la portata risente, come tutti i piccoli corsi d'acqua, dell'apporto delle precipitazioni nevose e quindi dell'andamento climatico.

 Durante l'inverno numerosi affluenti ghiacciano completamente, dando origine a cascate di ghiaccio molto apprezzate dagli alpinisti.

Il tipico ambiente fluviale appenninico è compreso all'interno della riserva naturale "Valle dell'Orfento" e del successivo Parco Nazionale della Majella.

 Numerose le specie faunistiche protette o coinvolte in operazioni di reinserimento: la salamandrina dagli occhiali, l'ululone dal ventre giallo, la trota fario, la lontra.

Letto 516 volte Ultima modifica il Martedì, 08 Novembre 2016 16:23
Devi effettuare il login per inviare commenti