Pensieri e Istantanee di Francesco Mancini

... dove un sogno è ancora libero

Domenica, 01 Luglio 2001 00:00

La Quartora

Il Gruppo Montuoso di Monte Ocre-Monte Cagno è una breve dorsale montuosa interna dell'Appennino centrale situata in Abruzzo in provincia dell'Aquila.

 Esso è mediamente disposto da nord-ovest verso sud-est, parallela quindi a molte altre dorsali appenniniche come quella limitrofa di Monte Orsello e sovrasta la Valle dell'Aterno in corrispondenza del capoluogo abruzzese L'Aquila e la parte bassa della Conca aquilana.

Dal punto di vista geomorfologico e geografico separa la Conca Aquilana e la piana di Roio dalla vallata di Lucoli e la piana Campo Felice e raggiunge la quota altimetrica più elevata con il Monte Ocre (2204 m) seguito da Monte Cagno (2156 m) posto sulla stessa cresta montuosa a sud-est, i Monti di Bagno (2077 m) e Monte Cefalone (2145 m), mentre l'intera dorsale prende origine e consta di altre cime minori come il Colle Cerasitto (1760 m) e il suo gemello Monte Le Quàrtora (1783 m) in direzione nord-ovest posti nel territorio dell'ex comune di Bagno ora ricompreso nel comune di L'Aquila. La naturale prosecuzione geomorfologica verso sud-est della dorsale è di fatto il gruppo Sirente-Velino interrotto dall'Altopiano delle Rocche nel mezzo e verso l'interno la cresta del Serralunga, Monte Rotondo e Monte Magnola.

L'aspetto tipico di questa dorsale è l'essere totalmente priva di vegetazione nel versante sud-ovest e quasi del tutto spoglia anche nel versante nord-est a maggior dislivello. La cima si raggiunge facilmente da Campo Felice e Rocca di Cambio oppure salendo progressivamente dalla vallata di Lucoli o da Roio; da essa si può godere di una panoramica completa della Conca Aquilana, del sottostante capoluogo abruzzese, delle vicine cime del Monte Velino e Monte Sirente nonché dell'intera catena del Gran Sasso d'Italia.


 

Da Roio Piano 810m seguire la strada diretta a Colle di Lucoli. Ad una curva, in località Capo Roio 831m imboccare sulla sinistra una carrareccia dissestata detta La Via del Monte. Dopo circa un paio di Km da Capo Roio si giunge alla Casetta del Monte 1095m diruto ricovero di pastori. Percorsi altri 50metri  della carrareccia prendere sulla destra un sentierino, all’inizio appena accennato poi più marcato che sale dolcemente  in diagonale in direzione SE sul fianco della Costa Grande. Giunti a quota 1200m ad una minuscola radura coperta di biancospini, incrocio di 3 sentieri, seguire quello diretto a SE che attraversa per un buon tratto la macchia. Usciti allo scoperto (dove si incontra sulla sinistra il sentiero che proviene dal Ricovero del Campitello che si vede nel fondovalle) il sentiero procede in direzione S con notevole pendenza facendo però molti comodi tornanti (trascurare i sentieri che si incontrano sia sulla destra che sulla sinistra) e perviene al Valico di Colle di Campoli 1370m. Scendere nel sottostante Prato Campoli e tagliarlo in direzione SE seguendo, in tutta la sua lunghezza, un muro a secco delimitante un confine. Al temine del muro prendere un sentiero che penetra in uno stretto e selvaggio valloncello. Dopo aver oltrepassato una strettoia rocciosa e successivamente un tratto più ampio e pianeggiante si sbocca a quota 1500m nella Valle Cama ore 0.30-2.10. Deviare ora a sinistra SE e percorrere tutta questa valle (sulla sinistra è visibile una pista  che dal laghetto di Valle Fredda porta ad un tentativo di laghetto artificiale vicino ad un antico pozzo a quota 1525m ed un tratto della successiva Valle Fredda fino al laghetto omonimo secco nei mesi estivi ed autunnali con vicino ad un antico e caratteristico pozzo quota 1621m 0.20-3.Da qui portarsi al sovrastante Passo di Valle Fredda 1695m da quale si raggiunge la Cima di Monte Le Quartora a quota 1783m 0.15-3.15.

Letto 360 volte Ultima modifica il Martedì, 07 Giugno 2016 16:25