Pensieri e Istantanee di Francesco Mancini

... dove un sogno è ancora libero

Domenica, 06 Settembre 1998 00:00

La Traversata da Campo Imperatore alla Diga di Provvidenza

La Catena Occidentale. Traversata lungo il sentiero n.1 del Gran Sasso. Albergo di Campo Imperatore, Passo della Portella, Sella dei Grilli, Fonte del Venacquero, Valle del Chiarino, Lago di Provvidenza.


 

Si inizia da Campo Imperatore si sale verso il rifugio Duca degli Abruzzi. Oltre questo luogo (non gestito d'inverno) l'ambiente si fa silenzioso, solitario e maestoso. Prima la larghissima conca di Campo Pericoli, circondata dalle cime più alte del gruppo, poi la conca del Venacquaro ed infine la lughissima valle del Chiarino, permettono di raggiungere il lago della Provvidenza, poco sotto il passo delle Capannelle, limite settentrionale del Gruppo del Gran Sasso. Più di 20 Km tra passi e valli, circondati dalle cime più alte della zona: Corno Grande, Pizzo Intermesoli e monte Corvo.

Questo percorso non presenta difficoltà particolari; le pendenze più alte le troviamo in un breve tratto del canale che scende dritto dal rifugio Duca degli Abruzzi.

A livello logistico occorre informarsi bene sullo stato della strada che collega il passo delle Capannelle ad Assergi; se questo risulta chiuso occorre compiere un lungo giro per tornare a Fonte Cerreto e i tempi si allungano notevolmente.

Accesso

Funivia di Campo Imperatore a Fonte Cerreto, sopra Assergi.

Relazione

Dall'arrivo della funivia a Campo Imperatore (2130m) si oltrepassa l'osservatorio e si sale dritti sul costone

 che porta al rifugio Duca degli Abruzzi, visibile dal basso (2388 m, 0.25 ore).

Dal rifugio (bellissimo panorama verso Campo Imperatore) si scende in direzione nord nello canale sottostante.

Dopo un breve tratto ripido il pendio si fa più dolce e si entra nella conca di Campo Pericoli.

 Tra colli e valloncelli  ci si porta sotto il canale che scende dalla sella dei Grilli, all'inizio della val Maone (1870 m circa, 0.45 ore).

Si sale il largo canale  che sale dritto  fino a poco sopra la sella dei Grilli (2280 m circa, 1.45 ore).

Dalla sella, per facili pendii si scende nella sottostante conca del Venacquaro fino alla base del largo canalone che scende dalla sella di monte Corvo (1930 m circa, 2.00 ore).

Questa sella è la prima a sinistra partendo dal monte Corvo, seguono (verso sinistra) la sella del Venacquaro e poi, incassata, la forchetta della Falasca

Per il canale si sale senza difficolt  fino alla sella (2305 m, 3.00 ore) si scende nel sottostante valloncello.

 Quando la pendenza si fa meno accentuata si supera lo stazzo della Solagna (rifugio dei pastori, 1700 m circa ) e poi, dopo un breve tratto, si raggiunge il rifugio Fioretti (ex masseria Vaccareccia, 1503 m .)

 Da qui si superano le ultime radure e, seguendo la strada, si entra nel bosco del Chiarino.

Tra alti faggi  si segue questa pista fino alla masseria Cappelli , poco dopo la chiesetta di San Martino (1262 m, 4.00 ore).

Sempre seguendo la strada si arriva alla diga della Provvidenza (1063 m, poco meno di 5 Km dalla masseria)

Dislivello salita: 1100 m circa

Dislivello discesa: 1900 m circa fino alla Masseria, 2100 circa fino alla diga

Orario complessivo: 4.30/5.30 ore

Sviluppo complessivo: 25 Km (20 Km circa fino alla masseria Cappelli) di cui circa 6.5 in salita

Esposizione: prevalentemente ovest

Letto 215 volte Ultima modifica il Mercoledì, 18 Maggio 2016 15:02